In evidenza
ANTICIPAZIONE. Perché abbiamo bisogno di questo libro?
09/09/2016 -


Da giovedì 15 settembre sarà disponibile in libreria e sul nostro sito "Il Sistema Stanislavskij come cassetta degli attrezzi" di Bella Merlin.


Di seguito un brano tratto dall'Introduzione, che spiega come il volume aiuti ad orientarsi tra gli scritti di Stanislavskij focalizzando i punti fondamentali del Metodo e restituendoli in una forma sintetica e di facile comprensione:


«Perché abbiamo bisogno di questo libro? Perché le sue idee si sono polarizzate. Stanislavskij non voleva che il suo Sistema venisse preso per verità rivelata, motivo per cui esitò a darlo alle stampe. Ma dopo che il tour negli Stati Uniti dei primi anni Venti lo aveva reso un personaggio conosciuto a livello internazionale, il pubblico americano cominciò a chiedere di più. Le pressanti richieste lo portarono infine a intraprendere una prima stesura del Sistema nel 1925. La sua idea era quella di pubblicare le parti riguardanti l’aspetto psicologico e fisico della preparazione attoriale in un singolo volume. 

Tuttavia, quello che andava emergendo era un tomo di dimensioni talmente smisurate che nessun editore sano di mente avrebbe accettato di pubblicarlo. Malgrado le sue prime intenzioni, dunque, fu convinto a dare alle stampe due volumi: il primo intitolatoIl lavoro dell’attore su se stesso. Lavoro su se stesso nel processo della reviviscenza. Diario di un allievo e il secondo Il lavoro dell’attore su se stesso. Lavoro su se stesso nel processo della personificazione. Diario di un allievo. Sottoscrisse l’accordo, a condizione di aggiungere un’avvertenza scritta di suo pugno in cui si spiegava ai lettori che le due componenti della preparazione attoriale (corrispondenti ai volumi separati) non erano che due metà di un’unità più grande. 


Purtroppo, l’avvertenza non comparve mai. Persino oggi, nel mondo anglofono, sono in molti a considerare An Actor Prepares (il titolo dell’edizione inglese del primo volume), con la sua accentuata prospettiva psicologica, come il principale pilastro del Sistema. E molti non si avvicinano nemmeno aBuilding a Character (il secondo volume), che invece è basato in gran parte sulla prospettiva fisica.



È piuttosto curioso poi che il terzo libro di quella che potremmo definire la “trilogia” in lingua inglese di Stanislavskij, Creating a Role, contenga alcune delle sue idee più significative pur rimanendo assai sfuggente. Forse lo si deve al fatto che è una raccolta di testi di varia natura e non un libro completo in se stesso. Ciò ha fatto sì che ben pochi lettori siano riusciti a comprenderne le potenzialità pratiche, il che è davvero un peccato, dato che è tutto oro colato.


Il mio intento è prendere gli elementi fondamentali di ogni libro ricomponendoli in un unico volume facilmente consultabile. Oltre che alla “trilogia”, questo mio testo attinge anche a molti altri scritti di Stanislavskij, così da presentare, in forma sincretica, gli elementi psicologici assieme a quelli fisici, oltre alle metodologie di prova descritte in Creating a Role


Prossime uscite
next
Cambi di scena
Di Gilda Cerullo. Prefazione di Pasqualino Marino
Come affrontare una fase cruciale della scenografia e della scenotecnica teatrale
14.00 €
Ordinabile
via email
disponibile dal 26/7/2018
Come affrontare una fase cruciale della scenografia e della scenotecnica teatrale
L'ABC dell'organizzazione cinematografica
Di Claudio Biondi
Guida alla pianificazione di un progetto
15.00 €
Ordinabile
via email
disponibile dal 30/8/2018
Guida alla pianificazione di un progetto
Studi ritmici per basso elettrico
Di Roberto Fasciani
Guida pratica allo strumento con esempi video disponibili sul web
15.00 €
Ordinabile
via email
disponibile dal 23/8/2018
Guida pratica allo strumento con esempi video disponibili sul web
prev
Avvisi ai naviganti
Appuntamenti con i nostri autori
11/07/2018 -

 

Sabato 21 luglio appuntamento a Bagheria: alle 17.30 Mario Bellina e "Scrivere per l'animazione" saranno al festival Animaphix, qui tutte le informazioni.