In evidenza
Il primo standard di riferimento per scrivere sceneggiature
22/03/2018 -


Questo non è il solito manuale di sceneggiatura. Nessun libro prima d’ora, in Italia, ha proposto uno standard di riferimento per lo sceneggiatore, professionista o alle prime armi, che deve concretizzare le sue idee in uno script.



«Ma io questo mo’ come lo scrivo?» si chiedono spesso gli sceneggiatori, specialmente quando devono indicare situazioni particolari come la lettura di un sms, una canzone proveniente dalla radio, una scena subacquea o lo split screen.


Dallo stesso interrogativo, allora, sono partiti gli autori di Formattare la sceneggiatura, che hanno ragionato su una serie di situazioni tipo e trovato soluzioni formali e stilistiche per esprimerle su carta in modo diretto e facilmente comprensibile. Leggendo le due sezioni di cui si compone il testo – la prima dedicata ai problemi di base e alle questioni stilistiche, la seconda alle situazioni tipo presentate come un dizionario consultabile all’occorrenza – ogni sceneggiatore potrà trovare un modo semplice e chiaro per formalizzare le sue idee.


È auspicabile che le soluzioni proposte da Formattare la sceneggiatura diventino presto prassi condivisa da tutti gli sceneggiatori, perché soltanto uniformando stili e modi di scrivere una scena, sarà possibile creare un linguaggio univoco, facilmente comprensibile da tutti i reparti che concorrono alla realizzazione di un film e contrastare così la tendenza ad interpretare quanto scritto (e ideato) da uno sceneggiatore modificandolo a piacere.


Quanto più la sceneggiatura sarà formalmente chiara e ineccepibile tanto più sarà difficile tradirla. Omologare le sceneggiature dal punto di vista formale non permette soltanto di rafforzare la presenza-assenza dello sceneggiatore, quasi mai “chiamato” sui set italiani, ma anche di rendere più efficiente tutto il sistema, perché il cinema si strutturi sempre di più come un’industria culturale.


Formattare la sceneggiatura rappresenta, dunque, un ulteriore strumento che Dino Audino editore mette in campo per portare avanti la battaglia culturale che combatte da venticinque anni affinché sia riconosciuto l’apporto fondamentale del momento creativo nella realizzazione di un prodotto audiovisivo.

Prossime uscite
next
Contact improvisation
Di Cynthia Novack. A cura di Francesca Falcone, Patrizia Veroli. Traduzione di Sergio Lo Gatto
Storia e tecnica di una danza contemporanea
19.00 €
Ordinabile
via email
disponibile dal 31/10/2018
Storia e tecnica di una danza contemporanea
Creatori di suoni. Dai rumoristi al missaggio di un film
Di Elena Dova
Arte, segreti e tecniche della post-produzione sonora nel cinema
14.00 €
Ordinabile
via email
disponibile dal 11/10/2018
Arte, segreti e tecniche della post-produzione sonora nel cinema
Le trentasei situazioni drammatiche
Di Mike Figgis. Traduzione di Giuseppe Contarino
Un classico della drammaturgia riletto da un grande regista contemporaneo
16.00 €
Ordinabile
via email
disponibile dal 18/10/2018
Un classico della drammaturgia riletto da un grande regista contemporaneo
prev
Avvisi ai naviganti
Appuntamenti con i nostri autori
10/10/2018 -

 

Amici di Ostia non perdete l'AperiLetterario in Danza di sabato 13 alle ore 18.00 presso l'associazione CosìArte (Lungomare Lutazio Catulo, 14 – presso la Pineta Beachvillage). Durante l'aperitivo Valeria Morselli presenterà il secondo volume di "La danza e la sua storia".

Per informazioni su costi e prenotazioni contattare: cosiarte@libero.it – 06 8769 1633