Quando Roma scende in strada

A.J.B. Thomas

Quando Roma scende in strada

Vedute d'Italia  12
Uscito il 01/1996
104 pagine
Note:Rilegato
Keyword: Vedute d'Italia

 


 


Immagini delle feste popolari romane nel primo Ottocento Quando Roma scende in strada ricostruisce, attraverso le tavole di un giovane incisore francese e le testimonianze di scrittori e viaggiatori dell'epoca, le manifestazioni pubbliche e le usanze cittadine del popolo romano durante le principali festività civili e religiose nel primo Ottocento. Le tavole, litografie a colori edite a Parigi nel 1823, appartengono ad Antoine Jean-Baptiste Thomas, un giovane artista che non ancora trentenne soggiornò a Roma per quasi due anni e si appassionò a tal punto alla cultura popolare romana che non solo la descrisse in immagini ma cercò di darne ragione con acuti commenti esplicativi che pose a fianco di ciascuna tavola. Quanto alle brevi testimonianze letterarie, esse coinvolgono, nella maggior parte dei casi, i diari di viaggio di alcuni celebri scrittori, da Goethe a Dickens, da Andersen a Hawthorne. Le tavole presentate costituiscono un'antologia di 72 litografie del volume Un an à Rome et dans ses environs, opera creata da A.J.B. Thomas (Parigi, 1791-1834) durante il suo soggiorno a Roma tra il novembre 1816 e il dicembre 1818, in qualità di pensionante presso l'Accademia di Francia. I commenti alle tavole e le note, firmati dal Thomas, apparivano nello stesso volume.


Prossime uscite
next
Visivo audiovisivo multimediale
Di Maurizio Teo Telloli
Manuale didattico ad uso di studenti e insegnanti
17.00 €
Ordinabile
via email
disponibile dal 26/4/2018
Manuale didattico ad uso di studenti e insegnanti
prev
Avvisi ai naviganti
Appuntamenti con i nostri autori
23/04/2018 -

 

Giovedì 3 maggio alle ore 16.00 Marta Perrotta vi aspetta a Milano all'Università Cattolica del Sacro Cuore (aula Malinverni – via S. Agnese 2) per parlare delle nuove strategie per la radiofonia digitale insieme a Isabella Elodori (conduttrice R101) e Giorgio Simonelli (professore di Storia della radio e della televisione).

Non mancate!