Le piante di Roma dal '500 all'800

Bufalini, Etienne Du Pérac, Giovan Battista Falda, Greuter, Maggi, Nolli, Tempesta

Le piante di Roma dal '500 all'800

Vedute d'Italia  14
Uscito il 01/1993
160 pagine
Note:Rilegato
Keyword: Vedute d'Italia

 


 


 


 


 


 


 


Questa antologia di incisioni ripropone le più significative tra le moltissime piante di Roma conosciute, ripercorrendo le tappe fondamentali dello sviluppo urbanistico della città in epoca moderna attraverso quelle opere cartografiche che ne trasmettono la testimonianza più fedele e aderente. Dalla Roma del Bufalini (1551), specchio di una città rinascimentale che si sviluppa ormai secondo i progetti di pontefici e artisti, alla Roma descritta nelle mappe catastali della Congregazione del Censo (1829), l'itinerario si dipana tra la città sistina, col suo sistema di assi viari, le magnificenze della Roma barocca, descritte nella splendida pianta del Falda, sino al Settecento, in cui i nuovi criteri razionali impongono all'immagine cartografica esigenze di esattezza, e all'Ottocento, con le istanze estetiche ormai sacrficate al rilievo scientifico delle mappe catastali. Nell'arco di tre secoli, le piante di Roma registrano puntualmente le trasformazioni della città in nuo sviluppo urbanistico "lento", armonico nell'equilibrio di sccelte pratiche e soluzioni architettoniche e stilistiche, che sarà stravolto, dopo il 1870, dal nuovo ruolo di capitale dello stato unitario. Un'analisi comparativa delle incisioni rende anche possibile seguire l'evolversi della concezione estetica della rappresentazione cartografica, ancora vicina, tra Cinque e Seicento, alla veduta con edifici e monumenti in alzato, e realizzata da artisti (Du Pérac, Tempesta, Maggi, Greuter, Falda); ma inevitabilmente protesa dal Settecento verso la fredda precisione del rilievo scientifico e l'abolizione di ogni amplificazione retorica di edifici o monumenti. Nell'Ottocento, le piante di Roma, elaborate da squadre di "tecnici", si limitano a tradurre graficamente le nuove mappe del Catasto urbano, in vigore nello stato pontificio dal 1835, purtuttavia esse ci consegnano una delle ultime immagini della città dei papi, prima che l'armonia della sua struttura urbana secolare sia avviluppata e messa a tacere dall'abbraccio soffocante di Roma moderna.


Prossime uscite
next
Visivo audiovisivo multimediale
Di Maurizio Teo Telloli
Manuale didattico ad uso di studenti e insegnanti
17.00 €
Ordinabile
via email
disponibile dal 26/4/2018
Manuale didattico ad uso di studenti e insegnanti
prev
Avvisi ai naviganti
Appuntamenti con i nostri autori
12/04/2018 -

 

Sabato 21 aprile alle ore 18.30 l'AperiLetterario in danza presso il Centro performativo Cosìarte di Ostia (lungomare Lutazio Catulo 14) ospiterà Valeria Morselli e il primo volume di "La danza e la sua storia".

 

Non mancate!