Le basi della ripresa sonora

Des Lyver
Traduzione di Roberto Cruciani

Le basi della ripresa sonora

per cinema, filmaking e TV


Taccuini 8
Uscito il 06/2004
160 pagine
Isbn: 978-88-8635-098-3
Aree: Cinema, Media
Keyword: Altri media, Professioni

 


 


 


 


 


Questo è un libro fondamentale per chiunque si occupi di registrazione audio, dall’amatore al professionista, con particolare riferimento al mondo delle riprese televisive, cinematografiche e dei videoclip. Senza cadere in tecnicismi, spiega i principi e i processi che costituiscono la base delle prestazioni professionali, dalla scelta del microfono fino alla registrazione di qualità e alla post-produzione.


Des Lyver lavora da venticinque anni nel campo della formazione audiovisiva a Londra.

Indice


Capitolo Primo: Suono e immagine; Capitolo Secondo: I microfoni; Capitolo Terzo: Connettori e collegamenti; Capitolo Quarto: La registrazione dei suoni; Capitolo Quinto: Registrazione in esterni; Capitolo Sesto: Post-produzione audio; Capitolo Settimo: La registrazione in studio; Glossario.


Altri libri dell'area Cinema:


Altri libri dell'area Media:


Altri libri con la keyword Altri media:


Altri libri con la keyword Professioni:


Prossime uscite
next
Il mestiere della regia
Di Katie Mitchell. A cura di Federica Mazzocchi
La lezione di una grande artista del teatro contemporaneo
22.00 €
Ordinabile
via email
disponibile dal 9/11/2017
La lezione di una grande artista del teatro contemporaneo
Netflix e le altre. La rivoluzione delle tv digitali
Di Neil Landau
La nuova "età dell’oro" della televisione: parlano produttori e showrunner
15.00 €
Ordinabile
via email
disponibile dal 2/11/2017
La nuova "età dell’oro" della televisione: parlano produttori e showrunner
prev
Avvisi ai naviganti
Raccontare a fumetti - Introduzione
12/10/2017 -

 

Creare è senza dubbio una delle principali peculiarità umane. Un istinto primario, una necessità irrinunciabile, che nasce dal bisogno di immortalità. Dall’impossibilità di accettare la nostra finitezza, il nostro limite più profondo. Per questo facciamo figli, erigiamo cattedrali, costruiamo città, realizziamo opere d’arte. Per restare. Per esserci anche oltre di noi. Per superare i limiti che la natura ci impone. E creare è sempre un atto d’amore.