Guida illustrata alle tecniche di rilassamento nello spettacolo

Maurizio Lancioni

Guida illustrata alle tecniche di rilassamento nello spettacolo

Manuali di script  102
Uscito il 02/2008
144 pagine
Isbn: 978-88-7527-045-2
Aree: Cinema, Media, Teatro

 


 


 


 


 


Questo libro nasce da un’esigenza concreta: raccogliere in un unico volume di esercizi illustrati la sterminata e frammentata mole di saggi, articoli, e resoconti personali sulle tecniche di rilassamento psicofisico. Unendo sapere orientale e sapere occidentale, e senza cadere nel linguaggio settario e pretenzioso della New Age, questo manuale è uno strumento utile a tutti coloro che, lavorando nel mondo dello spettacolo, sono continuamente sottoposti a quella tensione da prestazione che può ridurre drasticamente l’efficacia della performance.  


Maurizio Lancioni, allievo del prof. Enzo Spaltro, nel 1986 comincia gli studi teorici sullo Stress e la Performance, e nel 1996, attraverso lo Shiatsu, elabora tecniche pratiche di eliminazione dello stress attraverso i metodi naturali. Diventa coach di alcuni artisti che aiuta nel migliorare le proprie prestazioni. Ha inoltre pubblicato numerose ricerche e tenuto conferenze sull’argomento.

Indice


Prefazione di Enzo Spaltro; Introduzione; Capitolo Primo: Lo stress; Capitolo Secondo: Intervento psicofisico; Capitolo Terzo: Di fronte al pubblico. Come applicare nella pratica le conoscenze finora esposte; Appendice; Bibliografia.


Altri libri dell'area Cinema:


Altri libri dell'area Media:


Altri libri dell'area Teatro:


Prossime uscite
next
Raccontare a fumetti
Di Stefano Santarelli
Il linguaggio dei comics dall’idea al disegno
15.00 €
Ordinabile
via email
disponibile dal 5/10/2017
Il linguaggio dei comics dall’idea al disegno
prev
Avvisi ai naviganti
Depurazioni di Luigi Guercia
22/09/2017 -

 

Un giorno scoprii una scritta fresca fresca sul muro della scuola, mi avvicinai e lessi: “Papà Barrault (il maestro) è fesso”. Il cuore mi batté forte, lo stupore mi inchiodò lì, avevo paura. “Fesso”, non poteva trattarsi se non di una di quelle parolacce che for- micolavano nei bassi fondi del vocabolario, e che un bambino per bene non incon- tra mai; breve e brutale, aveva l’orribile semplicità degli animali più rozzi. Era già troppo averla letta: vietai a me stesso di pronunciarla, nemmeno sottovoce...

(J.P. Sartre, Le Parole)