Guida alla formazione di una cineteca

Gianni Volpi
Prefazione di Goffredo Fofi

Guida alla formazione di una cineteca

I film che bisogna aver visto per una cultura cinematografica di base


Manuali di script  44
Uscito il 12/2003
368 pagine
Isbn: 9788886350884
Aree: Cinema
Keyword: Storia, teorie e monografie

 


 


 


È impressionante il numero e la varietà di storie, generi, tecniche, linguaggi, autori, divi che il cinema nella sua storia ha cumulato. È per tentare di districarsi in questa Babele che nasce la Guida, tracciando un filo rosso che attraversa i cento anni della storia del cinema attraverso schede critiche che danno ragione della scelta di ciascuna opera. Schede che spesso riportano le parole del regista, di un critico o di grandi personalità della cultura e dell'arte del Novecento che hanno, per passione o per mestiere, attraversato il cinema e se ne sono fatte attraversare. Non si tratta di un repertorio di (soli) capolavori, ma di film importanti, necessari per i più svariati motivi. Potëmkin e Via col vento, Guerre stellari e M, Fantozzi e Aurora, Chaplin e James Dean, Vigo e Woody Allen, Fellini e Murnau, neorealismo e nouvelles vagues: insomma, il cinema nel suo complesso, arte e divertimento, evasione e riflessione, spettacolo e cultura, capace di muovere la nostra sensibilità o di colpire la nostra intelligenza.


Gianni Volpi ha diretto la rivista Ombre Rosse. Collaboratore dei "Cahiers du Cinéma" e di "Positif", direttore di festival e docente, ha curato rassegne per RAI 3 e Stream, è attualmente presidente dell'AIACE (l'associazione dei cinema d'essai). Ha scritto numerosi libri, tra cui Il western (Feltrinelli). Con Fofi e Morandini ha scritto una monumentale Storia del cinema (Garzanti).


Leggi la recensione del "Corriere della Sera": recensione


Altri libri dell'area Cinema:


Altri libri con la keyword Storia, teorie e monografie:


Avvisi ai naviganti
Scrivere e produrre la nuova serialità televisiva
15/12/2017 -

 

Grazie a tutti quelli che hanno partecipato all'evento "Scrivere e produrre la nuova serialità televisiva".

Grazie al nostro ospite d'onore Neil Landau per aver condiviso con la sua esperienza da produttore e showrunner, a Barbara Petronio e Stefano Sardo per aver arricchito l'incontro con le loro riflessioni sullo stato dell'industria seriale italiana, a Guido Fiandra per aver moderato l'incontro e a Giuseppe Contarino per aver "prestato" la sua voce italiana a Landau.

Ci vediamo al prossimo incontro!