Match di improvvisazione teatrale

Francesco Burroni

Match di improvvisazione teatrale

La storia, le regole, la tecnica e gli esercizi dello spettacolo più rappresentato al mondo


Manuali di script  93
Uscito il 05/2007
207 pagine
Note: Terza edizione
Isbn: 978-88-7527-026-1
Aree: Teatro
Keyword: Recitazione

 


 


 


 


Creato in Canada nel 1977 da Robert Gravel e Yvon Leduc, il Match d’improvvisazione teatrale si è poi diffuso in moltissimi paesi, tanto da essere a oggi considerato lo spettacolo più rappresentato al mondo. In Italia è arrivato nel 1988 e si è ramificato in decine di centri di formazione e spettacolo in tutta la penisola con migliaia di praticanti a livello professionale e amatoriale. In una cornice teatral-sportiva, due squadre di attori-giocatori si sfidano improvvisando su temi estratti al momento, sotto la guida di un inflessibile arbitro e con la partecipazione attiva del pubblico. Il match propone un teatro estremo, giocoso e totalmente fuori dalle righe, dove viene esaltata la creazione collettiva e l’attore diviene al tempo stesso anche autore e regista. L’improvvisazione non è più qui solo un percorso di studio o di approfondimento ma uno spettacolo dal vivo dove il pubblico assiste in diretta alla nascita dell’evento creativo. Il libro si presenta come un manuale teorico-pratico sia per i tanti praticanti del gioco sia per i neofiti che vogliano cimentarsi nell’arte dell’improvvisazione dal vivo. Oltre alla grammatica di base dell’improvvisazione e alle regole e strategie del gioco, viene proposta un’approfondita riflessione storica e teorica e un vasto campionario di esercizi per la formazione e il training.


Francesco Burroni, attore, autore, regista e insegnante, dirige e cura dal 1988 il progetto sul Match d’improvvisazione teatrale per l’Italia. Oltre ad aver attraversato vari generi teatrali (dal cabaret, al musical, alla Commedia dell’Arte, al teatro-danza) ha giocato in centinaia di match in Italia e all’estero, partecipando alle varie serie trasmesse su Raidue e Raitre. Svolge contemporaneamente una vasta attività formativa e di ricerca e per vari anni ha tenuto i corsi di improvvisazione allo Zelig di Milano. Nel 1998 a Lille, ha guidato la nazionale italiana alla conquista del campionato del mondo d’improvvisazione teatrale.

Indice


Introduzione di Yvon Leduc;


Parte Prima: Il match, la storia, la teoria; Capitolo Primo: Match d’improvvisazione teatrale: lo spettacolo e la sua diffusione; Capitolo Secondo: La storia; Capitolo Terzo: La rete del match in Italia e nel mondo; Capitolo Quarto: Teoria dell’improvvisazione; Capitolo Quinto: La grammatica di base dell’improvvisazione;


Parte Seconda: La tecnica; Capitolo Primo: La costruzione narrativa; Capitolo Secondo: Strategie di gioco;


Parte Terza: Il Match; Capitolo Primo: La cornice; Capitolo Secondo: Categorie e linguaggi; Capitolo Terzo: L’arbitraggio; Capitolo Quarto: I temi delle improvvisazioni; Capitolo Quinto: Ruoli e personaggi del match;


Parte Quarta: La didattica; Capitolo Primo: Teoria della didattica; Capitolo Secondo: Gli esercizi;


Appendice: Regolamento ufficiale italiano. Falli e segni dell’arbitro, Esempi di temi per le improvvisazioni. Inno ufficiale del match.


Altri libri dell'area Teatro:


Altri libri con la keyword Recitazione:


Prossime uscite
next
Fare radio
Di Marta Perrotta
Formati, programmi e strategie per la radiofonia digitale
19.00 €
Ordinabile
via email
disponibile dal 19/10/2017
Formati, programmi e strategie per la radiofonia digitale
Il mestiere della regia
Di Katie Mitchell. A cura di Federica Mazzocchi
La lezione di una grande artista del teatro contemporaneo
22.00 €
Ordinabile
via email
disponibile dal 9/11/2017
La lezione di una grande artista del teatro contemporaneo
prev
Avvisi ai naviganti
Raccontare a fumetti - Introduzione
12/10/2017 -

 

Creare è senza dubbio una delle principali peculiarità umane. Un istinto primario, una necessità irrinunciabile, che nasce dal bisogno di immortalità. Dall’impossibilità di accettare la nostra finitezza, il nostro limite più profondo. Per questo facciamo figli, erigiamo cattedrali, costruiamo città, realizziamo opere d’arte. Per restare. Per esserci anche oltre di noi. Per superare i limiti che la natura ci impone. E creare è sempre un atto d’amore.