Responsive image
Rory Cappelli

Amanda e il mistero dei cani scomparsi

un giallo animalista

Scriptori, n. 9
2013, pp. 128

ISBN: 9788875272326
€ 15,00 -15% € 12,75
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 12,75
Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist
Sinossi

  Guarda il booktrailer     Mi manda Somerset. Il caso Benedetto. Un Audiobook di Rory Cappelli Un audioracconto che, ricco di situazioni ironiche e colpi di scena, conduce direttamente nell'incubo che ogni giorno vivono centinaia di donne, lo stalking. Con Amanda la sua socia Carla, lievemente sociopatica e abilissima con il computer, Giulio, giornalista di cui Amanda è forse innamorata e che forse è innamorato di lei. Suresh, fioraio di piazza Vittorio, Armando e Amalia con la loro libreria ristorante in piazza San Martino ai Monti e una serie di personaggi incastonati in una Roma di un blu cupo, screziato del proverbiale bianco tiepolesco del suo cielo. Voce di Nadia Perciabosco. Amanda e il mistero dei cani scomparsi. Un libro di Rory CappelliCosa lega il cane meticcio Sorbole a Shaky, un bracco tedesco dal rilucente pedigree, al gatto sordo Bianchino o ai felini randagi delle periferie della Capitale? Sono tutti animali scomparsi nel nulla, senza lasciare traccia. Un nuovo caso per l’investigatrice Amanda Sommers, tanto grassa quanto sexy, e per la sua agenzia di squinternati.Aiutata da un giornalista di cui forse è innamorata e dalla fidata Carla, collaboratrice lievemente sociopatica e genio del computer, Amanda, ironica e tagliente, si avventura nell’infernale universo del traffico di animali. Riesce a salvare cani usati come corrieri per i narcotraffici, gatti pronti a diventare pelliccia, cuccioli che stanno per essere vivisezionati. In tutto questo, una frotta di personaggi irresistibili, incluso il pitone reale Alex Casanova. Sullo sfondo, una Roma nascosta, parallela a quella della politica, della moda e dei turisti. La Roma vera dei quartieri che la fanno vivere, ognuno con la sua peculiarità e la sua anima. Rory Cappelli, giornalista di la Repubblica, ha vissuto tra Firenze, Roma e Milano. I dieci anni passati in giro per il mondo per Viaggi di Repubblica, vincendo diversi premi giornalistici, l’hanno portata a confrontarsi con varie forme d’arte, dalla fotografia alla pittura, fino alla scrittura. Ha esordito nella narrativa con Pier Vittorio Tondelli. Una recensione di Carmen GrecoLievemente sociopatica e genio del computer, Alfio, ex geniere militare fedele fino alla morte, Angelica, prostituta nigeriana salvata dalla strada, e Fernanda, la cuoca-bibliofila, studiosa raffinatissima che ha fatto anche ricerce al Monastero dei Benedettini di Catania, per scovare le ricette dell’antica tradizione siciliana da “ammannire” ad Amanda. Lei, Amanda è “pedagogica”, per autodefinizione: costringe gli aguzzini a subire ciò che loro fanno provare alle vittime. Ironica e decisa, chiede alla sarta di farle su misura (per i suoi 90 chili) i modelli di Armani e Dolce&Gabbana, si fa confezionare scarpe supergriffate con il tacco rinforzato. Il suo fiuto investigativo la porta a scoprire i responsabili di un traffico di cani usati come corrieri della droga, di gatti destinati a diventare pelliccia, di cuccioli che stanno per essere vivisezionati. Il tutto, raccontato con ritmo veloce e accattivante sullo sfondo di una Roma multietnica (il quartiere Esquilino) e per certi versi misteriosa, quanto di più lontana dalla caput mundi da cartolina. Una storia che si snoda nell’arco di una settimana e che, attraverso la lettura, si riesce anche a “vedere”, proprio come in una fiction. E, infatti, nel futuro di Amanda Sommers c’è la possibilità di una trasposizione sul piccolo schermo. Amanda come Montalbano? Carmen Greco, "La Sicilia" del 22 aprile 2013Un giallo della narrativa animalista tagliente e ironico, servizio Ansa di Giulia Pelosi sul libro di Rory CappelliLa detective paffutella eroina di un giallo animalista di Valerio Mammone su "Rsera" del 13 agosto 2013

Autore

Rory Cappelli

Giornalista di «Repubblica», ha vissuto tra Firenze, Roma e Milano. I dieci anni passati in giro per il mondo per Viaggi di «Repubblica», vincendo diversi premi giornalistici, l’hanno portata a confrontarsi con varie forme d’arte, dalla fotografia alla pittura, fino alla scrittura. Ha esordito nella narrativa con Pier Vittorio Tondelli.