Parole sul mimo

Étienne Decroux
A cura di Clelia Falletti
Prefazione di Marco De Marinis
Traduzione di Claudia Palombi

Parole sul mimo

Il grande classico del teatro gestuale contemporaneo


Manuali di script  32
Uscito il 03/2003
160 pagine
Isbn: 9788886350662
Aree: Teatro
Keyword: Recitazione

 


 


 


Parole sul mimo è il primo grande classico del teatro gestuale contemporaneo nonché il primo libro scritto da un mimo sulla sua arte. Étienne Decroux, punto di riferimento imprescindibile nel teatro del Novecento, raccoglie in questo libro riflessioni, articoli, testi di conferenze, note per i suoi corsi di formazione svoltisi a Parigi, Milano e New York, dando forma organica a quella esperienza di lavoro che lo ha portato a definire le basi teoriche e pratiche dell’arte del mimo come noi oggi la conosciamo. Con esse, ha scritto Strehler, Decroux arriva “a disegnare alla base il profilo di un teatro, la forma di un teatro del domani, che partendo dal corpo, e da esso solo, nello spazio dell’universo, nel vuoto, nella nudità, nel silenzio (o nella musica delle sfere), ritrovi il senso e la forma originaria della teatralità umana più essenziale”.


Étienne Decroux (1898-1991) si è formato come attore di teatro e di cinema alla Scuola del Vueux-Colombier di Jacques Copeau, lavorando con i grandi nomi del teatro francese, come Dullin e Artaud. Nel 1941 fonda a Parigi la sua Scuola di mimo, e l’anno dopo comincia a girare il mondo con i suoi spettacoli. Dalla sua scuola passano tutti i grandi mimi, da Marcel Marceau a Yves Le Breton, a Jean Louis Barrault, solo per citarne alcuni, e molti dei grandi pedagoghi e registi del Novecento.

Indice


Prefazione: La vera importanza di Decroux nel teatro contemporaneo di Marco De Marinis; Prefazione all’edizione francese (1963);


Parte Prima: Origini; Capitolo Primo: … ha origine nel Vieux-Colombier; Capitolo Secondo: Autobiografia relativa alle origini del mimo corporeo;


Parte Seconda: Teatro e mimo; Capitolo Terzo: La mia definizione di teatro; Capitolo Quarto: Prima di essere completa l’arte deve essere; Capitolo Quinto: Rapporto tra mimo e parola; Capitolo Sesto: Dosaggio del mimo per l’attore parlante; Capitolo Settimo: Il mimo sotto il globo di vetro;


Parte Terza: Danza e mimo; Capitolo Ottavo: Un dibattito imprevisto; Capitolo Nono: Due movimenti contrari; Capitolo Decimo: Il diritto all’infelicità;


Parte Quarta: Mimo e mimo; Capitolo Undicesimo: Senilità precoce; Capitolo Dodicesimo: Primato del corpo sul volto e sulle braccia;


Parte Quinta: Mezzi ed effetti specifici del mimo; Capitolo Tredicesimo: Presentazione di uno spettacolo; Capitolo Quattordicesimo: Descrizione di uno spettacolo di mimo: Petits Soldats; Capitolo Quindicesimo: Postille su Petits Soldats o dell’interesse specifico del mimo; Capitolo Sedicesimo: Prologo per Le Toréador;


Parte Sesta: Insegnamento; Capitolo Diciassettesimo: Giustificazione dell’insegnamento del mimo corporeo in una scuola di attorii; Capitolo Diciottesimo: Agli spettatori della nostra scuola;


Parte Settima: Cose a parte; Capitolo Diciannovesimo: Presentazione di uno spettacolo; Capitolo Ventesimo: Servitù senza grandezza; Capitolo Ventunesimo: Per il peggio e per il meglio.


Altri libri dell'area Teatro:


Altri libri con la keyword Recitazione:


Avvisi ai naviganti
Scrivere e produrre la nuova serialità televisiva
01/12/2017 -

 

Giovedì 14 dicembre alle ore 18.30 alla Casa del Cinema di Roma, si svolgerà l'incontro Scrivere e produrre la nuova serialità televisiva, a cui prenderà parte Neil Landau, sceneggiatore, produttore, professore alla UCLA, autore di Showrunner e di Netflix e le altre.

 

Lo sviluppo tecnologico ha determinato una rivoluzione nell’offerta e nella fruizione di contenuti televisivi: è il pubblico ad avere sempre più potere e a decidere autonomamente cosa guardare, quando e attraverso quali mezzi. In uno scenario che richiede alta competitività, sono i contenuti a tenere gli spettatori incollati agli schermi. 

Servono sceneggiatori preparati, ma anche produttori e direttori di rete che con capacità visionaria ribaltino i modelli televisivi tradizionali e diano spazio alle “storie”, riconoscendone il valore.

L'incontro alla sala Deluxe della Casa del Cinema approfondirà dunque il dibattito su differenze di produzione tra serialità americana e serialità italiana, sulle competenze e il ruolo dello sceneggiatore in Italia e sugli elementi che determinano il successo di una serie televisiva, avviato a marzo 2016.

Insieme a Landau, interverranno Barbara Petronio (coautrice di Romanzo Criminale – la serie e di Suburra: la serie, primo prodotto italiano Netflix) e Stefano Sardo (coautore di 1992 e di 1993), moderati da Guido Fiandra.

Vi aspettiamo!