Disegni invisibili

Gianni De Luca
A cura di Laura De Luca
Prefazione di Luca Raffaelli

Disegni invisibili

Pensieri e parole di un maestro del fumetto italiano


Voci e volti dello spettacolo 7
Uscito il 10/2012
128 pagine
Isbn: 9788875272364
Aree: Fumetti, Media

 


 


 


«Attenzione, lettori. In queste pagine si celebra una piccola rivoluzione. Un ribaltamento del pensiero. Un sovvertimento culturale. Perché qui si dimostra non solo che il fumetto è un linguaggio meraviglioso e complesso (questa è ormai cosa assodata), ma che, perfino ai tempi in cui veniva maltrattato e respinto (non solo dal mondo culturale ma anche dagli educatori), c’era chi lo realizzava perfettamente consapevole della sua magia e della sua profondità».
dalla prefazione di Luca Raffaelli



«Secondo me, accanto ai manuali di grammatica italiana o latina si dovrebbero diffondere quelli di grammatica visiva. Non si sostiene infatti sempre che l’analisi logica o le declinazioni latine incoraggino il ragionamento? Anche l’analisi visiva è una forma estrema di ragionamento. [...] L’attività artistica è una forma di ragionamento, non di immediatezza o di improvvisazione. Nell’attività artistica, pensare e percepire sono momenti strettamente connessi. Chi dipinge, scrive, compone o danza, pensa mediante i propri sensi».
Così parla Gianni De Luca, che insieme a Jacovitti fu una colonna della illustrazione degli anni ’50 e ’60 e uno dei fumettisti più innovativi del periodo. Questo libro- intervista con la figlia Laura rappresenta una testimonianza alta non solo sul mondo del disegno italiano del dopoguerra, ma di un pensiero profondo più in generale sull’arte pittorica. Raccolto a pochi mesi dalla morte dell’autore, nel 1991, il libro include disegni per lo più inediti e, soprattutto, mette in fila ragionamenti, osservazioni, definizioni acutissimi degni di un pensatore controcorrente.


Gianni De Luca, pittore e illustratore, maestro indiscusso del fumetto italiano, tra i più importanti innovatori di questo mezzo espressivo, è stato di recente restituito alla critica e agli appassionati grazie a prestigiose mostre e a lungimiranti ristampe delle sue rivoluzionarie storie (Il Commissario Spada, Trilogia shakespeariana).

Indice


Segnaliamo che le opere di cui si parla nel libro Gianni De Luca le potete reperire cliccando qui: nel catalogo di  Black Velvet Editrice sono presenti, tra gli altri, Il commissario Spada e le opere del "ciclo shakespeariano".


Altri libri dell'area Fumetti:


Altri libri dell'area Media:


Prossime uscite
next
Fare un film
Di Roberto Farina
...ma anche tv, spot e video per il web. Il racconto del ciclo produttivo di un audiovisivo, dall'ideazione alla realizzazione alla distribuzione
15.00 €
12,75 €
Prodotto non
disponibile
disponibile dal 29/3/2018
...ma anche tv, spot e video per il web. Il racconto del ciclo produttivo di un audiovisivo, dall'ideazione alla realizzazione alla distribuzione
Il videogioco
Di Lorenzo Mosna. Prefazione di Gianni Canova
Storia, forme, linguaggi, generi. Per conoscere il nuovo medium che ha conquistato il mondo
15.00 €
Ordinabile
via email
disponibile dal 8/3/2018
Storia, forme, linguaggi, generi. Per conoscere il nuovo medium che ha conquistato il mondo
La danza e la sua storia
Di Valeria Morselli
Valenze culturali, sociali ed estetiche dell’arte della danza in Occidente Volume I Dalle civiltà greca e romana al XVII secolo
23.00 €
Ordinabile
via email
disponibile dal 22/2/2018
Valenze culturali, sociali ed estetiche dell’arte della danza in Occidente Volume I Dalle civiltà greca e romana al XVII secolo
prev
Avvisi ai naviganti
"Fare scuola con l'arte": la lettera di un'insegnante
19/02/2018 -

 

Riceviamo e volentieri pubblichiamo la lettera di una docente:

«Il libro mi è piaciuto moltissimo, mi fa pensare che la scuola che "ci piace" c'è ed è viva. Le quattro esperienze raccontate sono così coinvolgenti che dovrebbero essere lette soprattutto dalle giovani e future maestre affinché possano ispirarsi per attuare nelle loro classi didattiche coinvolgenti e significative. Infatti ne ho regalato una copia alla mia tirocinante.  

Quando ero giovane incappai nella lettura de Il paese sbagliato, di Mario Lodi... fu una lettura illuminante che mi aiutò a costruire situazioni simili nelle mie classi, insomma mi ispirai (con molta modestia, per carità!) agli insegnamenti del Maestro. Ecco, il racconto delle quattro esperienze didattiche, letto ora che ho più di trent'anni di lavoro alle spalle, mi ha fatto rivivere quell'emozione.

Brave!

Il libro va portato in giro  e pubblicizzato perché non fornisce ricette, ma spunti significativi utilissimi a chi dentro la scuola inizia, ma anche a chi ha bisogno di un po' di energia per continuare.»