Choreographic bodies

Choreographic bodies

L'esperienza della Motion Bank nel progetto multidisciplinare di Forsythe


Ricerche 29
Uscito il 06/2016
200 pagine
Isbn: 9788875273200
Aree: Teatro

 


 


 


 


 


 


 


AVVERTENZA


Il libro è corredato da materiali extra consultabili attraverso questa pagina. I materiali extra sono indicati all'interno del testo cartaceo dal simbolo {☞} seguito dal nome del contenuto. Cliccando sul bottone "Materiali del libro" di questa pagina si accede all'elenco completo dei materiali.


 


Questo libro è il risultato di un’esperienza di ricerca contestualizzata all’interno della pratica coreografica contemporanea e presenta riflessioni inedite, derivanti dal dialogo che l’autrice ha avuto con gli esperti coinvolti nell’iniziativa Motion Bank, l’ultimo sofisticato progetto multidisciplinare del coreografo William Forsythe e della Forsythe Company.
Adottando il punto di vista “panoramico” dell’evoluzionismo, l’indagine che viene proposta mira a esaminare e spiegare i choreographic bodies, ossia alcuni aspetti della body knowledge che il performer contemporaneo esperisce attraverso le forme d’arte della danza e della coreografia.
Il filo rosso che lega la spiegazione del complesso oggetto di studio è il concetto di score. Lo score è una tecnica, uno strumento digitale, un algoritmo necessario per leggere la danza dell’essere umano, acquisire informazioni e far evolvere la conoscenza contenuta nella pratica coreutica.
Il corpo del performer è il primo score a essere analizzato dall’autrice, che mette in luce il cambiamento neurofisiologico del corpo durante la formazione in una tecnica coreutica e poi nel training fisico. La prima parte del libro affronta perciò temi inerenti la percezione e la propriocezione del performer (il focusing; l’embodiment; il dis-focus; il balance e l’off-balance) e si conclude con uno studio sul movimento sincronico tra performer e performer durante una performance coreografica dal vivo basata su sistemi di improvvisazione. La seconda parte illustra i metodi dei coreografi coinvolti nel progetto Motion Bank – Forsythe, Hay, Burrows e Fargion – al fine di illustrare uno studio sui principi-che-ritornano nel confronto fra le differenti poetiche coreografiche. La terza e ultima parte riflette sul processo di digitalizzazione del pensiero coreografico e documenta la creazione dei Motion Bank Digital Scores.
Il libro è arricchito dai testi introduttivi di Scott deLahunta e Luciano Mariti.



Letizia Gioia Monda, coreografa e performer con background in danza classica e contemporanea, da anni si dedica allo studio della body knowledge nella danza e nella coreografia all’interno della Motion Bank. Membro di AIRDanza (Associazione Italiana per la Ricerca sulla Danza), è regular guest del Dance Engaging Science Workgroup e collabora con le università La Sapienza e Roma Tre.


 


Leggi qui la recensione di Francesca Bernabini per Danzaeffebi.


Giovanna Scalzo consiglia il libro su La lettura - Corriere della sera.


Leggete tra i materiali del libro la recensione di Massimiliano Craus per Danza sì.


Leggi qui la recensione di Michele Olivieri per La Nouvelle Vague.


Leggo qui la recensione di Lucia Medri per Teatro e Critica.


Leggi qui la recensione di Leonilde Zuccari per Giornale della danza.


Altri libri dell'area Teatro:


Prossime uscite
next
Raccontare a fumetti
Di Stefano Santarelli
Il linguaggio dei comics dall’idea al disegno
15.00 €
Ordinabile
via email
disponibile dal 5/10/2017
Il linguaggio dei comics dall’idea al disegno
prev
Avvisi ai naviganti
Depurazioni di Luigi Guercia
22/09/2017 -

 

Un giorno scoprii una scritta fresca fresca sul muro della scuola, mi avvicinai e lessi: “Papà Barrault (il maestro) è fesso”. Il cuore mi batté forte, lo stupore mi inchiodò lì, avevo paura. “Fesso”, non poteva trattarsi se non di una di quelle parolacce che for- micolavano nei bassi fondi del vocabolario, e che un bambino per bene non incon- tra mai; breve e brutale, aveva l’orribile semplicità degli animali più rozzi. Era già troppo averla letta: vietai a me stesso di pronunciarla, nemmeno sottovoce...

(J.P. Sartre, Le Parole)