In arrivo
Dino Audino come la settimana enigmistica

Il vostro editore preferito vanta il maggior numero di omonimi su Facebook. Meravigliati e divertiti, abbiamo scoperto che diversi amici e collaboratori della casa editrice hanno inserito tra le loro amicizie virtuali qualcuno di questi Dino Audino. A volte avviando anche conversazioni on line con loro, convinti che al di là dello schermo ci fosse l’editore in persona. Ma non è così. Perché Dino Audino, l’editore, quello giusto insomma, non è sui social.

Freschi di stampa
Il turismo come discorso

«Studiando i discorsi studiamo i fatti sociali, poiché questi sono, in larga misura, costituiti da fatti linguistici. I discorsi effettivi, ad esempio, ci dicono qualcosa su coloro che li hanno enunciati, su coloro ai quali si indirizzano, sul momento, il luogo, la situazione in cui vengono prodotti: c’è una correlazione necessaria tra pratiche discorsive e pratiche sociali, ed è per questo che il senso, il significato, non preesiste alla messa effettiva in parole, bensì si costituisce nell’atto di enunciare.»

Clicca qui per continuare a leggere l'estratto di Il turismo come discorso di Donella Antelmi.

Scenografe

«Questo libro vuole essere un ringraziamento e un riconoscimento all’attività di molte artiste rimaste incomprensibilmente (e ingiustamente) invisibili, ma è anche un tentativo di superare quella marginalità per troppo tempo tollerata, nella speranza che nuovi studi possano far emergere, finalmente, la loro storia.»

Clicca qui per continuare a leggere l'Introduzione di Scenografe di Anna Maria Monteverdi.

Laboratorio di fotografia cinematografica

«Il direttore della fotografia è la persona che, dopo essersi figurata un proprio concetto illuminotecnico riferito al progetto che deve realizzare, lo mette in pratica cominciando con l’ipotizzare un piano luci in grado di esprimere al meglio quello che ha immaginato. Attraverso la luce, “descrive” e “racconta” un ambiente, la sua atmosfera e quello che accade.»

Clicca qui per continuare a leggere l'estratto di Laboratorio di fotografia cinematografica di Massimo Schiavon.

Novità
Lezioni di scrittura teatrale

«Apriamo con una formula:∀S = I + C + F
Ovvero: qualsiasi storia è quanto meno composta da tre parti, che chiamiamo Inizio, Centro e Fine.
Sembra una sciocchezza. Ma dopo tanti anni di corsi e di incontri e di riflessioni e di dubbi, abbiamo assunto due lezioni che oggi riteniamo fondamentali, nonché propedeutiche, per chiunque voglia cimentarsi nella scrittura, non solo di un testo teatrale, ma di una qualsiasi storia.»

Clicca qui per continuare a leggere l'estratto di Lezioni di scrittura teatrale di Marco Andreoli e Francesco Silvestri.

Nuovo dizionario del musical

«Ho preferito non fare di questo libro un “saggio sul musical”, ma una raccolta pratica e veloce per sapere l’essenziale o il “quanto basta” di un determinato show. Lo ritengo uno strumento utile per i fan del genere e anche per i curiosi: chiunque può scoprire di cosa tratta lo spettacolo che sta per andare a vedere a teatro o di cui sta per acquistare un cd.»

Clicca qui per continuare a leggere l'Introduzione di Nuovo dizionario del musical di Gabriele Bonsignori.

Inquadratura, scena, sequenza

«Inquadrare non vuol dire solo riprodurre ciò che si trova davanti alla macchina da presa: significa selezionare, rendere evidenti gli elementi che danno significato, ma anche saperli omettere; vuol dire creare un percorso di senso per lo spettatore, sguardi di volta in volta diversi per creare un’architettura di immagini in successione che racconti una storia, che esprima e dia corpo a un pensiero.»

Clicca qui per continuare a leggere l'Introduzione di Inquadratura, scena, sequenza di Diego Cassani e Fabrizia Centola.