Drama. Classici della Drammaturgia
Freschi di stampa
Drama. Classici della drammaturgia

Una nuova collana, in collaborazione con WGI, diretta da Stefano Locatelli e Andrea Minuz.
Ogni libro, nato dalla collaborazione tra drammaturghi, sceneggiatori e studiosi universitari, propone analisi di testi teatrali, film, serie tv pensate per la didattica e la formazione, ma rivolte a chiunque sia interessato a comprendere i processi della scrittura drammatica. Verranno scelte quelle opere esemplari per la loro forza di scrittura: “classici”, appunto, che hanno fissato o ridisegnato un canone, un genere, una tendenza, uno stile, dando vita a storie, personaggi e dialoghi memorabili.

Se volete saperne di più cliccate qui.

La memoria del sangue

«Io sono una danzatrice. Sono convinta che tutto si impari con l’esercizio. Che si tratti di imparare a danzare danzando o a vivere vivendo, il principio è lo stesso. In entrambi i casi, è grazie a una serie precisa e determinata di azioni, fisiche o intellettuali, che si arriva alla realizzazione, al compimento di sé, alla soddisfazione dello spirito. Si diventa, in un certo senso, atleti di Dio.»

Clicca qui per continuare a leggere un estratto di La memoria del sangue di Martha Graham.

Cinema, evoluzione, neuroscienze

«In che modo le scienze naturali e in particolare le neuroscienze possono contribuire ad arricchire i metodi di analisi e le forme di descrizione tradizionali dell’esperienza filmica? Fino a che punto è possibile spingersi nella cooperazione tra le discipline umanistiche e le scienze naturali? Quali sono i vantaggi e quali i rischi che questa contaminazione comporta? Tra ricostruzioni di intricati dibattiti, ardite manovre teoriche e approfondite analisi di sequenze filmiche, Smith cerca di rispondere a queste domande con coraggio e un certo sprezzo del pericolo.»

Clicca qui per continuare a leggere un estratto della Prefazione di Adriano D'Aloia a Cinema, evoluzione, neuroscienze di Murray Smith.

Le ultime uscite
Monologhi teatrali LGBTQ+

«Ogni monologo è preceduto da una breve scheda pensata per fornire un rapido inquadramento storico, per mettere in luce le particolarità del brano scelto e per suggerire, in ultimo, una proposta interpretativa dei personaggi. Nelle mie intenzioni, ciò dovrebbe aiutare una lettura più consapevole e piacevole per coloro che sono genericamente interessati/e alla drammaturgia a tematica omosessuale; spero però che possa anche guidare gli attori e le attrici che vogliono mettersi alla prova, per lo studio o per audizioni, con personaggi LGBTQ+.»

Clicca qui per continuare a leggere l'Introduzione di Monologhi teatrali LGBTQ+ di Antonio Pizzo.

Johann Strauss. Il valzer, Vienna e la danza

«In queste pagine ho voluto raccontare la vita professionale di Johann Strauss padre, l’artista che divenne, senza la sua volontà, capostipite della più conosciuta, apprezzata e importante dinastia di musicisti di musica da ballo, padre di Johann, Josef e Eduard. Strauss operò a Vienna e in Europa tra il 1825 e il 1849. In questi venticinque anni contribuì in maniera significativa a trasformare la musica da ballo e il concetto stesso di ballo di società.»

Clicca qui per continuare a leggere l'Introduzione di Johann Strauss. Il valzer, Vienna e la danza di Fabio Mòllica.

Le mappe argomentative

«Quando si pensa a un argomento pro o contro una certa tesi (o contro un altro argomento), creare una mappa visuale dell’argomento ed esaminarne le diverse componenti (esame dei termini/concetti utilizzati nelle premesse; esame del valore di verità o di accettabilità – la presenza o meno di dati a supporto, per esempio – delle premesse, la tenuta delle inferenze prodotte e la presa di coscienza delle assunzioni anche inconsce fatte per arrivare alle conclusioni) può aiutare a non prendere cantonate e a evitare errori.»

Clicca qui per continuare a leggere la Prefazione di Le mappe argomentative di Pietro Alotto.