Responsive image
Nichi Vendola, Lidia Ravera

La vita che vorrei

Un confronto sul vissuto, la politica, il Paese che è stato e quello che potrebbe essere

La buona politica, n. 2
2012, pp. 112

ISBN: 9788875272180
€ 10,00 -15% € 8,50
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 8,50
Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist
Sinossi

Come governare una regione e come governare l’Italia, come fare dell’Europa un soggetto politico. Come dar conto che il mondo è due, le donne e gli uomini, come coniugare San Francesco d’Assisi con Giacomo Leopardi. Come scegliere la fraternità, come fare la rivoluzione senza spargere sangue, come ritrovare un senso collettivo, come nutrirsi del passato, vivere nel presente, lavorare per il futuro. Guardare da vicino uno dei leader di cui più si parla, e provare a confrontarsi senza preconcetti, senza parti assegnate, senza cercare riparo nell’astrattezza del linguaggio politico o nella facile retorica delle buone intenzioni. Una conversazione senza rete, senza scorciatoie elettroniche, due corpi in una stanza, quattro occhi, due voci. Condividere uno spazio, guardarsi in faccia. Questo è un libro che parla di una possibile buona politica, un dialogo tra un politico che ama la narrazione e una narratrice che vuole indagare la politica.

Autori

Nichi Vendola

Nicola Vendola, detto Nichi, deputato dal 1992 al 2005, è attualmente Presidente nazionale di Sinistra Ecologia Libertà. Nel 2010 è stato eletto per la seconda volta consecutiva Presidente della Regione Puglia.

Lidia Ravera

Scrittrice e una giornalista. Ha pubblicato più di venti romanzi, il primo è Porci con le ali, l’ultimo La guerra dei figli. Scrive su «il Fatto Quotidiano».

Materiali

Indice Introduzione Primo incontro - Tabelle millesimali e immaginazione - La narrazione degli altri - La Storia e le storie - La rimozione del tempo - Terlizzi come Macondo - Il prete e il comunista - Il teatro delle buone relazioni - Liberismo e populismo - Tra riformismo e sociologia del dolore - Tra sinistra modernista e sinistra funeraria Secondo incontro -  Volare abbracciati - Fango e giornali - Dio è leggero, pesante è la Chiesa - Il sarto di Ulm - Imparare dalle donne - Tenersi abbracciati - Ago e filo - Dalla civiltà dei parcheggi alla civiltà dei parchi - Liberare la rivoluzione - Far tesoro del dolore  Terzo incontro -  Ricucire la sinistra - La sinistra della riduzione del danno - Fondamentalismi  -  Fame di futuro - Indulgenza -  Con le ossa rotte - Vivere come se Dio non esistesse - Tra Francesco d’Assisi e Giacomo da Recanati - Governo Monti e foto di Vasto Quarto incontro -  Laboratorio Puglia -  Prevenzione civile - Disabili e normodotati - Poeti e politica - La Mecca-tronica - I peggiori calzini del mondo - Primati - Tu chi sei, acronimo? - Principi attivi - Il patto col diavolo -  La malattia come merce - Fidarsi è bello, ma... - ...non fidarsi è meglio - Il fidanzamento di Luca Quinto incontro -  Furbi come serpenti, puri come colombe - Una sinistra non ornamentale - Un’Europa vulnerabile - Il liberismo è la malattia - Scegliere la fraternità Appendice -  La vita che vorrei 

Dicono del libro Vendola: ecco la mia classe dirigente, di Lello Parise, su Repubblica dell'11 dicembre 2012