Responsive image
Stephen Unwin

Brecht per tutti

Guida alla teoria teatrale brechtiana e 50 esercizi per metterla in pratica

Traduzione di Pietro Dattola

Manuali, n. 195
2018, pp. 144

ISBN: 9788875273729
€ 17,00
Non disponibile Non disponibile Non disponibile
Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist
Sinossi

«Come faccio, io attore, a mettere in pratica le idee brechtiane? Come si recita brechtianamente?». Brecht per tutti risponde a queste domande proponendo, oltre a un’introduzione alla teoria teatrale brechtiana, 50 esercizi pratici ideati per aiutare a tradurre nella pratica del palcoscenico gli insegnamenti di questo grande uomo di teatro.
Brecht rappresenta una figura chiave del nostro tempo. Ha affermato una volta il regista Peter Brook: «Tutto quanto si fa oggi in teatro ha in qualche modo come punto di partenza o di arrivo le sue affermazioni e i suoi risultati». La sua influenza è visibile ovunque, dal teatro rivisitazioni dei classici, dal teatro d’essai a quello civile. Tuttavia Brecht è stato molte volte frainteso, e del suo teatro si pensa spesso che sia freddo e privo di emozioni. Questo libro intende dissipare l’alone di mistero che circonda ancora oggi il teatro di Brecht, la sua teoria e la sua terminologia (“teatro epico”, “straniamento”, “gesto” ecc.). Creare un tipo di teatro che rifletta la realtà del mondo è già abbastanza difficile; convincere il pubblico a esercitare un giudizio critico su quella realtà, come era nelle intenzioni di Brecht, è molto, molto più difficile. Possiamo rigettare entrambi gli obiettivi, se vogliamo, e affermare che l’unico scopo del teatro sia l’evasione. Ma se accettiamo il suo ruolo di “bocca della verità” e di strumento in grado di migliorare attivamente il mondo, Brecht può rappresentare una straordinaria fonte d’ispirazione.

Autore

Stephen Unwin

Regista teatrale inglese, ha insegnato all’Università di Cambridge e ha all’attivo la regia di oltre sessanta spettacoli. Nel 1993 ha fondato la compagnia English Touring Theatre, per la quale ha diretto più di venti spettacoli presso alcuni tra i più prestigiosi teatri inglesi (Old Vic, Donmar) ed è stato direttore artistico del Rose Theatre di Kingston dal 2008 al 2014.