Responsive image
Alice Plutino

Tecniche di restauro cinematografico

Metodi e pratiche tra analogico e digitale

Manuali, n. 244
2020, pp. 112

ISBN: 9788875274672
€ 14,00
Da ottobre Da ottobre Da ottobre
Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist
Sinossi

Il restauro, nel cinema come nelle altre arti, non mira semplicemente a preservare gli oggetti artistici nella loro materialità, ma anche a restituirne il valore in quanto testimonianze storiche. Il restauro di un film non consiste dunque nella semplice riparazione della pellicola, ma è l’insieme delle procedure che permettono di riportarne alla luce il valore artistico ed espressivo. In passato, quello del restauratore cinematografico era un lavoro estremamente specialistico, in cui il risultato era garantito dalla perizia tecnica accumulata negli anni dagli addetti al mestiere. Con l’avvento del digitale la situazione è radicalmente cambiata. Oggi si lavora con software che funzionano sulla base di algoritmi di cui difficilmente chi si occupa di restauro conosce il funzionamento. Questo libro si propone di unire la formazione sugli aspetti tecnici della pellicola e della ripresa cinematografica alla conoscenza dei meccanismi di base del digitale, in modo che il lettore abbia consapevolezza di tutte le tecnologie a disposizione di questa disciplina. Restaurare un film, infatti, come dice Alessandro Rizzi nella Prefazione, è un po’ come «guidare una macchina, si può fare anche senza conoscere il funzionamento del motore, ma averne consapevolezza ci può aiutare quando in tangenziale comincia a uscire fumo dal cofano».

Autore

Alice Plutino

E dottore in Informatica e laureata in Conservazione e Restauro dei beni culturali presso l’Università degli Studi di Milano, dove collabora con il professore Alessandro Rizzi nel corso di Metodologie e tecniche per il restauro cinematografico e fotografico. È autrice di diverse pubblicazioni scientifiche sul restauro cinematografico in ambito nazionale e internazionale.