Responsive image
Maurizio Teo Telloli

24 pose per una storia della fotografia essenziale ma esaustiva

Percorso tra storia, tecnica e linguaggio: un manualetto per studenti e appassionati

Numeri, n. 3
2021, pp. 136

ISBN: 9788875274818
€ 16,00
Da ottobre Da ottobre Da ottobre
Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist
Sinossi

Quanti tipi di fotografia conosciamo? E in che modo si è evoluto il linguaggio fotografico? Come fosse un ideale rullino di 24 pose sul quale la storia ha lasciato le sue tracce, questo libro individua le 24 tappe essenziali della storia della fotografia, fissandole in altrettanti scatti fotografici.
Nel ripercorrere il rullino, vengono esaminati i legami della fotografia con le altre arti visive: pittura prima, cinema e mass media poi, per comprendere radici e relazioni del codice visivo più diffuso nella nostra epoca. La scoperta di materiali fotosensibili capaci di catturare in modo stabile l’immagine proiettata dalla camera oscura ha segnato le origini dell’arte, e da allora la fotografia è andata in cerca della propria identità, in contrasto o analogia con altri media. Dai fotomontaggi di H.P. Robinson (1830–1901) a quelli di Erik Johansson (1985), dalla rivista Camera Work alla celeberrima Agenzia Magnum, la fotografia documentaria, l’estetica dell’istantanea, l’edonismo patinato, la sparizione dell’autore a favore di opere costruite con scatti eseguiti da altri.
Per definirlo con le parole dell’autore: «Un percorso per imparare a“guardare” senza limitarsi a vedere».

Autore

Maurizio Teo Telloli

Maurizio Teo Telloli è laureato in Discipline delle arti, della musica e dello spettacolo all’Università di Bologna. Insegna Discipline e laboratorio audiovisivo multimediale nella scuola secondaria superiore, Storia della fotografia e linguaggio fotografico presso il Cfp Bauer di Milano, è docente a contratto di Linguaggio multimediale presso l’Università di Padova. Per Dino Audino editore ha pubblicato Visivo audiovisivo multimediale (2018) e – con Elena Mapelli – Make Art Lab (2019).

Materiali