Responsive image
Augusto Boal

Giochi per attori e non attori

Introduzione al Teatro dell'Oppresso

A cura di Alessandro Tolomelli
Traduzione di Laura Fracalanza

Voci e volti dello spettacolo, n. 38
2020, pp. 192

ISBN: 9788875274665
€ 20,00 -5% € 19,00
Aggiungi al carrello Aggiungi al carrello € 19,00
Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist Aggiungi a wishlist
Sinossi

«Tutti possono fare teatro, anche gli attori» amava ripetere Boal. Perché il teatro non è una forma d’arte e una pratica riservata a pochi, ma un linguaggio a disposizione di ogni essere umano.
In un evento di Teatro dell’Oppresso lo spettatore è dunque chiamato a partecipare alla messa in scena insieme agli attori, per provare insieme, sul palco, le trasformazioni che si vogliono attuare nella società.
Giochi per attori e non attori, testo voluminoso che presentiamo al pubblico italiano in due distinti volumi, racchiude l’esperienza di Boal con il Teatro dell’Oppresso sviluppata durante cinquant’anni di attività, tanto dal punto di vista teorico-metodologico quanto da quello pratico.
Questo primo volume, curato da Alessandro Tolomelli, mette a disposizione del lettore quello che Boal chiamava l’“Arsenale del Teatro dell’Oppresso”, ossia l’insieme di giochi, esercizi e tecniche volti a risvegliare i sensi e a “demeccanizzare” il corpo di attori e non attori.
La sua forte valenza pedagogica, sociale e politica lo rende utile non solo per gli attori, ma anche per formatori, insegnanti, animatori di comunità e attivisti, come strumento di riflessione e discussione agita con i partecipanti. Tradotto in più di venti lingue, l’edizione brasiliana da cui questa traduzione è tratta è la più completa tra quelle attualmente in circolazione in tutto il mondo.

Autore

Augusto Boal

E stato un regista teatrale, scrittore e politico brasiliano, fondatore e teorico del Teatro dell’Oppresso, nominato nel 2009 World Theatre Ambassador dall’Unesco. Direttore del teatro Arena di San Paolo negli anni ’60, dopo essere stato arrestato e torturato nel 1971 ha lasciato il Brasile per vivere in esilio prima in Argentina e poi in Francia. Ritornato in Brasile nel 1986 con la fine della dittatura, ha fondato il Centro do Teatro do Oprimido di Rio de Janeiro. I suoi testi, tradotti in trentacinque lingue, espongono a livello teorico e pratico il metodo del Teatro dell’Oppresso, sviluppato tra America Latina ed Europa e diffusosi ormai in tutto il mondo.